Ethics Emergency

Non è sorprendente l’episodio in se. Già in passato abominie di questo tipo si sono verificate, anche se occasionali e vedendo perlopiù, quali protagonisti di queste azioni, gruppi terroristici più o meno disperati.

Quello che contraddistingue questo nuovo episodio ha in se qualcosa di epocale. Un nuovo corso.

Azioni di questo tipo non erano mai state perpetrate da parte di governi più o meno riconosciuti dall’occidente. E ancora più allucinante in questo caso parliamo del governo fantoccio di Hamid Karzai, sostenuto e legittimato da una accolita di invasori guerrafondai, americani in testa. Oramai non si conosce più vergogna e si ricorre ad ignobili porcherie come questa, colpendo una organizzazione umanitaria che opera da anni nel giusto, pur di coprire le immondizie di una guerra ed i loro responsabili.

Per far tacere Ilaria Alpi riguardo a loschi traffici e torture, forse perché impreparati, si scelse a suo tempo la via dell’omicidio e, dopo quindici anni quel delitto resta ancora nell’ombra. Oggi in questo mondo sopito non c’è più neanche bisogno di ricorrere all’omicidio: basta la diffamazione, spalleggiata dai supporter internazionali dell’intossicazione mediatica ad allontanare di fatto tutti gli elementi di disturbo e i testimoni dal teatro dei misfatti. Si è diventati più raffinati. Ora sono globalizzate ed esportate anche le tecniche criminali di stato.

E questa Italietta è sempre in prima fila, scudiera fedele, col suo manipolo di beceri governanti cialtroni che, mai stanchi di assuefare le menti dei dementi, anzichè intervenire a sostegno dei rapiti, ipotizza subdolamente fantomatiche connivenze con al Qaeda, cercando di apporre il “rosso marchio di infamia” anche su Emergency e Gino Strada. Con tutta l’impudicizia del nostro “Ministro della guerra”, che spende due milioni di euro al giorno per la partecipazione al banchetto.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: