Fenomenologia dei renziani

Un lungo articolo tratto da Micromega che vale la pena leggere fino in fondo…

di Andrea Bianchi

Il vincitore annunciato delle Primarie del Pd è stato, come ovvio, al centro di numerose analisi, tese a cercare di definire il suo sfondo culturale-ideologico si può definire di sinistra? E iperliberista o invece un liberista dal volto umano? È blairiano o addirittura anche un po thatcheriano? e a descrivere il suo stile comunicativo. Mentre questo secondo obiettivo è piuttosto agevole, visto che Renzi, al riguardo, è un caso “di scuola” di politico post-moderrno, con la sua tendenza a ipersemplificare i contenuti e privilegiarne lefficacia mediatica e luso abbondante di stilemi pubblicitari, il primo punto pone invece non poche difficoltà. Se, infatti, tutti i leader politici attuali tendono, per ragioni di marketing, a declinare in forme diverse le Matteo-Renziproprie proposte a seconda del target che intendono raggiungere e a “riassestarle” qualora rischino di ridurre il potenziale bacino di voti, ciò diventa particolarmente vero per un politico dichiaratamente post-ideologico come Renzi, che privilegia messaggi semplici il “fare”, il “nuovo” etc. ed assume caratteristiche spesso “zelighiane”, adattandosi ai contesti e ai pubblici cui si rivolge. Per questo, invece di rivolgere lattenzione alle proposte quasi sempre generiche e a volte contraddittorie del leader, può essere più interessante cercare di conoscere la natura dei suoi seguaci, lo sfondo ideologico-culturale che condividono e, direi, il tipo sociale e antropologico che incarnano. Naturalmente non mi riferisco alle centinaia di migliaia di persone che lo hanno votato alle primarie e che appartengono alle categorie più diverse: persone che hanno dato il loro voto al candidato più noto e mediaticamente efficace o che sono vicine allala più moderata del Pd o elettori di centrosinistra che, frustrati da innumerevoli delusioni, hanno aderito al leitmotiv per cui Renzi sarebbe lunico candidato garanzia di rinnovamento e soprattutto di una vittoria troppe volte sfuggita di mano.

via Fenomenologia dei renziani – micromega-online – micromega.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: