Val di Fiemme

Tesero

Laghetti di Colbricon

I laghi di Colbricon sono due laghetti di origine glaciale che si trovano all’estremità nord-orientale della catena del Lagorai, all’interno del parco naturale Paneveggio – Pale di San Martino. Il più piccolo dei due laghi si trova a 1909 metri di quota, il più grande a 1922; sulle sponde di quest’ultimo sorge il rifugio laghi di Colbricon. I due laghi sono raggiungibili tramite una comoda passeggiata dal passo Rolle (segnavia Sat 348 da Malga Rolle, mt. 1980) oppure con un itinerario un po’ più impegnativo da San Martino di Castrozza (segnavia Sat 348 da Malga Ces mt. 1670)

Fuciade

Fuchiade (Fuciade o Fuciada nel dialetto fassano) è una frazione del comune di Soraga di Fassa, in provincia di Trento. La conca di Fuchiade è dominata dalle vette meridionali del Gruppo della Marmolada: Sas de la Tascia (2.865 m), Cima Cadine (2.885 m), Cima Ombrettòla (2.923 m) e Sasso di Valfredda (3.003 m). La località può essere raggiunta in circa 45 minuti a piedi tramite la semipianeggiante ex strada militare italiana (sentiero 607) da Passo San Pellegrino.

Monte Agnello e Cornon (mt. 2189)

Il monte Agnello è una montagna delle Alpi alta 2.357 m. Si trova nel gruppo del Latemar, nelle Dolomiti della val di Fiemme. Il monte Agnello segna il confine tra il comune di Tesero (Tiezér) con quello di Predazzo (Pardàc)

Per arrivare sulla cima da Tesero si prosegue verso nord per la Val di Stava dopodiché si è arrivati alla località Pampeago (1600 m). Da Pampeago si prosegue verso sudest fino ad arrivare alla Piana della Tresca (2100 m) e da lì si arriva in poche decine di minuti sulla cima del monte Agnello.

Il Monte Cornon è una delle vette del gruppo dei Monti Cornacci, un gruppo montuoso situato in Val di Fiemme. Il gruppo fa parte della catena del Latemar, assieme all’adiacente Monte Agnello. La catena domina l’abitato di Tesero, ma è visibile anche da Cavalese e da tutta la bassa Val di Fiemme. Le cime più alte sono il Doss dei Branchi (2274 m) e il Monte Cornon (o Cima Cornacci, 2.189 m), sul quale è posta una grande croce di ferro, visibile anche dal fondovalle

Val di Sadole (mt. 1600)

Il rifugio Cauriol, o rifugio Baita Monte Cauriol, si trova nella Val di Sadole a 1.594 metri sul livello del mare, all’interno del comune di Ziano di Fiemme.

Sono luoghi in cui si sono svolte crude battaglie durante la prima guerra mondiale tra l’esercito italiano e quello austro-ungarico. La collezione dei cimeli, raccolti nel tempo da Aldo Zorzi primo gestore del rifugio, fa parte della Rete Trentino Grande Guerra. Il recente rifacimento del rifugio ha visto una forte riduzione dei reperti raccolti da Aldo Zorzi e speriamo che quelli mancanti vengano presto ricollocati. La pur comprensibile vocazione turistica non può trascurare la memoria storica di questi luoghi dove fino a pochi anni fa ancora si incontravano annualmente reduci austriaci e italiani né la sofferenza di cui le cime del Monte Cauriol, della Busa Alta e del Monte Cardinal danno testimonianza al visitatore.

Lago di Stramentizzo e Castello di Fiemme

Il lago di Stramentizzo è un lago artificiale situato all’imbocco della val di Fiemme. Il bacino, formato dalla diga di Stramentizzo, trattiene le acque del torrente Avisio. La superficie del lago ricade per metà nel comune di Castello-Molina di Fiemme e per metà nel comune di Anterivo (provincia di Bolzano). Il lago fu creato nel 1956, tramite la costruzione della diga di Stramentizzo nella forra dei Camini; l’impianto della diga, costruita per lo sfruttamento dell’energia idroelettrica, è legato alla centrale di San Floriano, situata presso Egna in provincia di Bolzano. Alla sua creazione, l’invaso andò a sommergere il paese di Stramentizzo, da cui il lago prende il nome; il villaggio venne ricostruito poco distante negli anni seguenti. Il 6 luglio fu demolito il campanile della chiesa dei Santi Angeli Custodi che ancora emergeva dal lago. Del paesino rimane l’antico portale in pietra grigia della chiesa.

Alpe di Cermis e laghetti di Bombasel (mt. 2250)

L’Alpe Cermìs è una montagna delle Alpi, appartenente alla catena dei Lagorai, nel comune di Cavalese in Val di Fiemme. La cima più alta è il Monte Paiòn, con i suoi 2 226 m. Dal Paion, raggiungibile anche in seggiovia, si scende a sud del rifugio fino alla stretta forcella di Bombasel (2180m) ai piedi del Cimon del Tò della Trappola (2401m). Alla forcella si scende lungo un ripido tratto, appositamente scalinato, con corrimano a fune. Il percorso poi prosegue, sotto forma di comoda ma sassosa mulattiera, salendo di quota. Raggiunge il primo e limpido laghetto alpino di Bombasel (2260m) incastonato in una conca ai piedi del Castel di Bombasel (2535m)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: